Categorie
Siti

Temi free vs. premium

I temi di WordPress sono un insieme di file che definisco l’aspetto del vostro sito nel front-end, ma anche alcune funzionalità extra rispetto a quelle standard della piattaforma. Sceglierne uno non è facile, vediamo come farlo e capire se è meglio usare temi free o comprare temi a pagamento.

Temi free

Li trovate direttamente nel pannello di controllo del vostro sito, andando in Aspetto → Temi → Installazione Temi.

Pro: sono gratis! Per essere nella repository (ovvero l’archivio) dei temi WordPress.org passano una serie di controlli qualità di un team apposito. Contro: ce ne sono anche di parecchio datati; se ad un certo punto l’autore smette di aggiornarli voi vi trovate con un tema non più supportato e potenzialmente esposto a bachi/buchi.

Il mio consiglio è di usare quelli che vengono creati e distribuiti insieme a WordPress. Ne esce uno nuovo tutti gli anni, con l’ultima major release dell’anno. Smettono di aggiornarli circa 3 anni dopo l’uscita (Twenty Ten è stato aggiornato l’ultima volta ad agosto del 2013, gli altri vengono aggiornati in occasione delle 2-3 release annuali della piattaforma). Se avete conoscenze di CSS potete personalizzarli abbastanza velocemente.

Da 2012 a MTC

Ad esempio per trasformare Twenty Twelve come ho fatto per il mio blog di famiglia ci vanno un child theme e circa 300 righe di CSS (che non sono tante!).

Temi Premium

Quindi a pagamento. E uno si aspetterebbe di avere poi supporto/aggiornamenti/ecc… Purtroppo non è sempre vero: ho già lavorato con diversi clienti che avevano temi premium, pagati circa 50$ e poi abbandonati dagli sviluppatori dopo un paio di anni.

Secondo me ci sono 2 motivi, molto diversi tra loro, che potrebbero spingervi a pagare per un tema:

  1. Cercate un tema chiavi in mano: non avete voglia di mettervi a personalizzare, né avete tempo/soldi/energie per rivolgervi a qualcuno.
  2. Supporto. Se esiste un’opzione di supporto a pagamento e non avete tempo di mettervi a smanettare da voi, scegliere un tema premium che la offra.

I temi che uso io: StudioPress

Studiopress
Consiglio sempre StudioPress ai miei clienti per una serie di motivi:

  • base framework (Genesis) scritta bene, secondo le ultime specifiche di W3C;
  • aggiornato costantemente: questo vuol dire che se c’è un aggiornamento importante, strutturale, di WordPress, qualche ora dopo StudioPress aggiorna il framework e i suoi temi;
  • supporto: ogni tema ha semplici istruzioni per la configurazione iniziale, in caso di problemi/domande ci si può confrontare con il servizio clienti o con il forum utenti;
  • comunità di sviluppatori: Genesis è un gran bel giochino per gli sviluppatori quindi ci sono centinaia di blog con tutorial per modificare ogni singolo aspetto della piattaforma e per potenziarlo;
  • gente seria che non scappa con la cassa. Può sembrare una cavolata o un’esagerazione, ma se spendete 50-100$ per un tema e dopo 1 anno lo sviluppatore sparisce, beh, direi che è una bella fregatura, no? StudioPress è parte dello stesso gruppo di Copyblogger e Rainmaker quindi gente seria.

Sempre sul framework Genesis girano i temi di una designer che crea cose molto femminili e piacevoli: Restored316

Una parola (buona) su Themeforest.

Themeforest, è un marketplace di temi, non solo per WordPress. Se decidete di comprare qui, fate attenzione a una serie di cose:

  • quando è stato creato il tema? Quando è stato aggiornato l’ultima volta? Con quale versione di WordPress è compatibile al 100%? Trovate queste informazioni  nella barra destra;
  • sempre nella barra destra trovate compatibilità browser, tipo di layout (scegliete un tema responsive che siamo nel 2013 e un sacco di traffico arriva da smartphone e tablet) e altre informazioni utili;
  • documentazione: esiste? È scritta in modo chiaro? È visionabile prima dell’acquisto? L’ideale, ovviamente, è rispondere sì alle 3 domande;
  • commenti: ora spostatevi in alto e cliccate su “Comments“. L’autore risponde ai commenti dei potenziali acquirenti? Quando ha risposto per l’ultima volta? Se sono passati più di 10 giorni lasciate perdere;
  • sempre in alto trovare “Support“, controllate che ci sia un link “Go to item support”. Vuol dire che l’autore mantiene un forum di supporto sul quale si possono trovare domande/risposte e tutorial. Se non lo vedete scegliere un altro tema;
  • guardate la Live Preview e esplorate tutte le funzioni;
  • leggete bene le specifiche per vedere se il tema prevede le funzioni che cercate. Se volete una pagina home con aree widget per organizzare i vostri contenuti cercate un tema che la preveda, non uno a cui poi dovete trovare modo di aggiungere voi… Vale anche il contrario: se volete un blog “fatto da blog”, cosa vi interessa avere 10 layout di home, tipi di post per portfolio, video You Tube, gallerie immagini, ecc… Non fatevi prendere dall’entusiasmo: i tempi con 1000 funzioni hanno 1000 modi per fare entrare un hacker se non vengono aggiornati periodicamente.

Di Francesca

WordPress Community Manager at SiteGround.

Ho creato C+B, supporto la community globale di WordPress.org nella sua crescita.

Una risposta su “Temi free vs. premium”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.