The Happiness Project – Settembre 2018

Francesca che mostra i bicipiti, non molto convinta

Quest’estate ho letto un libro che non so ancora se mi è piaciuto o no: The Happiness Project di Gretchen Rubin

Mi sono sicuramente piaciuti alcuni spunti, quelli che mi hanno fatto riflettere su alcune abitudini che ho, alcuni atteggiamenti che tengo, soprattutto nei confronti del prossimo. Soprattutto nei confronti di chi mi è vicino fisicamente e si deve sorbire i miei sbalzi d’umore.

Mi è piaciuto l’approccio agnostico: niente robe religiose o new age. Molti fatti.

Non mi è piaciuto l’aspetto molto “americano” della faccenda: l’eccessiva razionalizzazione di tutto, la forma mentis calvinista nei confronti delle proprie mancanze, le foto a Natale da mandare come cartolina d’auguri, ecc… Quindi per me no “Twelve commandments” o “Secrets of adulthood”.

L’esperimento però mi ha incuriosita: tutti i mesi affrontare un tema e trovare modi per essere più felici in quel determinato aspetto della vita.

Chi non vorrebbe essere (più) felice? Io di sicuro sì!

Anche in questo momento di serenità, passata la burrasca, non mi dispiacerebbe riuscire a essere più presente e intenzionale nel modo in cui affronto le giornate e i rapporti con il resto del mondo.

Siccome sono pigra e mi piace vincere facile, parto con un tema abbastanza semplice da mettere in pratica per chi come me passa la metà del tempo in viaggio: copio il gennaio di Gretchen, Vitality.

  1. Go to sleep earlier
  2. Exercise better
  3. Toss, restore, organise
  4. Tackle a nagging task
  5. Invece no “Act more energetic”, troppo vago e poi davvero, viaggio talmente tanto, sono sempre lancia in resta quando sono in giro, quando sono a casa voglio stare in mutande sul divano a guardare il soffitto 🙂

Tutti i task a parte 3 e 4 sono da svolgere tutti i giorni, a 3 e 4 dedicherò tutta la prossima settimana visto che sono a casa! Terrò nota in agenda e su Streaks. A fine mese report.

E siccome sono davvero, ma davvero pigra, riciclo una serie di hashtag già esistenti per pubblicare i miei progressi su Instagram:

  • #hounpiano (lo ha inventato @incorporella per @cpiub, è stato cannibalizzato da una serie di eventi commerciali, ma vedo che è usato ancora tanto da tante persone nel modo “giusto” quindi 😍)
  • #vitasanafotobrutte (non le so fare diversamente)
  • #happinessprojectdenoantri
  • #vitality
  • #freevolezze

La foto motivasciònal sento che mi caricherà molto.

Di Francesca Marano

WordPress Core team lead at Yoast. Previously, WordPress Community and Partnership manager at SiteGround. I contribute to WordPress.org full-time. I have an insane passion for luxury skincare and soft wool. Beyoncé is always the answer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.